Gnocchi di patate


5
(5)

Preparare gli gnocchi di patate in casa è semplice e divertente, tanto che per molte famiglie, questo primo piatto è diventato un vero e proprio appuntamento settimanale.

La ricetta per gnocchi di patate prevede pochi e semplici ingredienti:

patate farinose (solitamente patate a pasta bianca vecchie), farina, uova, sale ed eventualmente un pizzico di noce moscata.

Esistono numerose versione degli gnocchi, con cui si possono ottenere consistenze diverse.

Morbidi o più corposi, fino ad arrivare ai Canederli, preparati con pane raffermo e dall’affascinante forma sferica.

La ricetta della nonna degli gnocchi di patate, che usa da sempre anche mia mamma, prevede 1 uovo intero all’interno dell’impasto.

Nel corso del tempo però, ho imparato che è meglio utilizzare solo i tuorli.

Dato che l’albume contiene acqua, richiamerebbe altra farina, aumentando il rischio di ottenere degli gnocchi un pò gommosi.

Per preparare degli gnocchi di patate morbidi, bisognerà innanzitutto cuocere le patate in casseruola con la loro buccia.

Questa operazione apparentemente semplice andrà fatta nel modo corretto, per evitare che assorbano troppa acqua.

Potete seguire il nostro tutorial qui.

Per ottenere degli gnocchi a regola d’arte, oltre alla scelta delle patate giuste e al loro metodo di cottura, dovremo prestare attenzione anche agli altri passaggi.

Una volta cotte, le patate andranno scolate e sbucciate subito, per poi schiacciarle e lasciarle raffreddare su un piano di lavoro freddo così buona parte dell’acqua evaporerà.

Solo a questo punto potremo aggiungere gli altri ingredienti, e lavorare l’impasto il minimo indispensabile, proprio come faremmo con la pasta frolla.

Alla fine potremo dedicarci alla parte più divertente, quella di dar forma agli gnocchi, e qui ognuno ha la sua preferita..

Io li rotolo sulla forchetta, per creare delle righe che trattengano il sugo.

Molti li tagliano semplicemente in piccoli quadratini e li tuffano in acqua bollente salata.

Come si fa a sapere se gli gnocchi di patate sono cotti?

Alcuni affermano che, quando gli gnocchi salgono a galla sono pronti… ma è del tutto vero?

Diciamo che, una volta tornati a galla, è meglio attendere ancora un pò prima di scolarli.

Il tempo dipende dalle dimensioni, indicativamente 1 minuto per gnocchi lunghi 1 cm.

Ma quale sugo scegliere per arricchire questo piatto?

I condimenti per gli gnocchi sono davvero infiniti, dal più semplice sugo di pomodorini, al più ricco ragù alla bolognese o alla Sorrentina.

Ma ci sta divinamente anche il pesto di basilicomagari con aggiunta di pomodorini e una spolverata di grana.

Ora non ci resta che indossare il grembiule e tirare Fuori la ricetta!!

Come preparare gli gnocchi di patate:

Scegliete patate della stessa dimensione, lavatele sotto acqua corrente e mettetele in una casseruola.

Ricopritele con acqua fredda, aggiungete un pugno di sale grosso e fate cuocere dolcemente con il coperchio.

Il tempo di cottura dipenderà dalla dimensione, indicativamente 30 minuti per patate medie.

Infilzatele con un coltello o uno stecchino per verificare la cottura. Se affonda allora sono pronte.

Scolatele bene e sbucciatele subito avendo cura di togliere anche le eventuali parti scure sotto la buccia.

Potete usare un tovagliolo per tenerle in mano evitando così di ustionarvi.

Pelare le patate

Schiacciate le patate su un piano di lavoro (meglio se freddo) utilizzando uno schiaccia patate;

schiacciapatate

in alternativa passatele al setaccio aiutandovi con un tarocco per ottenere un composto più fine.

Tarocco

Non vanno assolutamente frullate altrimenti avrete un impasto molto colloso e degli gnocchi gommosissimi.

Se avete fretta, potete tagliare le patate a metà ed inserirle con la loro buccia all’interno dello schiacciapatate.

schiacciapatate

La buccia resterà all’interno dell’attrezzo lasciando fuoriuscire solo la polpa.

Separate il composto di patate in modo che si raffreddi più velocemente.

Quando le patate saranno completamente fredde, disponetele a fontana e aggiungete sale, noce moscata il tuorlo ed eventualmente anche una manciata di Parmigiano grattugiato

patate schiacciate

Tuorlo d'uovo

Impastare gli gnocchi di patate:

Impastate e appena gli ingredienti si saranno amalgamati unite la farina poco alla volta.

impastare gli gnocchi

Impastate nel minor tempo possibile, altrimenti vi ritroverete con un composto colloso.

Dovrete ottenere un impasto morbido, omogeneo e non appiccicoso.

Panetto

In base alla tipologia di patate, più o meno acquose, potrebbe essere necessaria tutta la farina, poco meno o anche un pochino in più.

A questo punto date all’impasto la forma di un panetto leggermente squadrato e tagliatelo a fette.

Panetto per gnocchi di patate

Panetto per gnocchi di patate

Infarinate le fette e formate dei filoncini, spolverateli ancora con poca farina e tagliateli in pezzi lunghi più o meno 1 cm.

filoncino per gnocchi

Gnocchi di patate

Gnocchi di patate

Sollevate gli gnocchi con un tarocco per non schiacciarli, e disponeteli su un vassoio infarinato.

Se lo desiderate potete creare delle scanalature rotolando gli gnocchi sui rebbi di una forchetta.

Gnocchi di patate

Gnocchi di patate

Gli gnocchi vanno cotti subito

Portate l’acqua salata a bollore, passate gli gnocchi in un setaccio per togliere l’eccesso di farina, poi tuffateli in acqua.

Setaccio gnocchi

Gnocchi in pentola

Cuocetene pochi per volta in modo che non si attacchino tra loro.

Quando saliranno a galla calcolate circa 1 minuto e scolateli con una schiumarola.

schiumarola

Riponeteli in una teglia larga leggermente unta senza sovrapporli, poi terminate la cottura degli altri gnocchi.

Far riposare gli gnocchi qualche minuto dopo la cottura li rende più compatti.

Ora sono pronti per essere conditi con la vostra salsa preferita….

gnocchi di patate al sugo

o per essere saltati in padella con una noce di burro e qualche foglia di salvia.

Gnocchi di patate

Il Consiglio di Paolone:

Come conservare gli gnocchi:

Se dovete prepararli in anticipo, per conservarli in frigorifero o in congelatore, vi consiglio di sbollentarli.

Procedete in questo modo: Tuffate gli gnocchi in acqua bollente salata, attendete che vengano a galla, scolateli con una schiumaiola e versateli in una teglia ben distanziati.

Conditeli con un filo d’olio e lasciateli raffreddare.

A questo punto potrete metterli in frigorifero, ben chiusi, e conservarli al massimo per 2 giorni;

oppure potete riporre la teglia con gli gnocchi sbollentati in congelatore e attendere che si solidifichino.

Poi staccateli dalla teglia con l’aiuto di una paletta, trasferiteli in un contenitore ermetico e conservateli in congelatore.

Quando vorrete mangiarli basterà versarli nell’acqua bollente, attendere che vengano a galla, scolarli e condirli.

Per la quantità esatta di farina bisogna regolarsi con la consistenza, l’impasto dovrà risultare morbido e non appiccicoso. 

 

Quanto ti è stato utile questo articolo?

Clicca sulle stelle per votare!

Voto medio 5 / 5. Voti totali: 5

No votes so far! Be the first to rate this post.

Ci dispiace molto che non ti sia stato utile

Aiutaci a migliorare l'articolo

Cosa potremmo fare per migliorarlo?


Info sullo Chef

Privacy Policy Cookie Policy
error: Questo contenuto è protetto!!